fbpx

Nuova Uscita per il Direttore d’Orchestra Toscano

0

Andrea Vitello, uno dei Giovani direttori d’orchestra più promettenti della sua generazione nel panorama internazionale (Cit. M° Donato Renzetti), ha presentato il suo nuovo lavoro con la Warner Classics, dirigendo i solisti della Scala di Milano.

In una nota ha sottolineato: Questo CD costituisce un traguardo molto importante per me in quanto l’etichetta discografica è Warner Classics, nella quale figurano tra gli altri Philippe Jaroussky, Antonio Pappano, Riccardo Muti, Joyce di Donato. L’ensemble che ha suonato è composto dalle prime parti dell’orchestra del Teatro alla Scala di Milano. Ho avuto l’onore di incidere questo CD con alcuni tra i migliori musicisti del mondo e credo che il risultato sia all’altezza delle aspettative. Si tratta di: Andrea Manco al Flauto, Fabrizio Meloni al clarinetto, Gabriele Screpis e Nicola Meneghetti ai fagotti, (il secondo ha debuttato in Scala con la Sagra della Primavera diretta da Bernstein), Francesco Tamiati e Marco Toro alle trombe, Daniele Morandini (primo trombone anche della Israel Philarmonic tra le altre cose) e Giuseppe Grandi. I brani registrati prendono le mosse dall’Ottetto per strumenti a fiato di Igor Stravinsky per arrivare a 4 prime assolute. In particolare l’Ottetto di Peter Eotvos, compositore ungherese considerato oggi uno dei maggiori compositori viventi, collega di Boulez all’Ensemble Intercontemporain e abitualmente eseguito dalle maggiori istituzioni concertistiche del mondo (Filarmonica di Vienna, Scala di Milano, Accademia di Santa Cecilia, Filarmonica di Berlino etc.). Gli altri tre brani sono di Alessio Elia, italiano residente a Budapest; Rita Ueda, giapponese residente a Vancouver; Albertas Navickas, lituano residente a San Francisco. Li ho scelti io stesso perché mi interessa la loro poetica e credo che il CD abbia beneficiato di questo. I tre compositori hanno scritto appositamente per questa incisione.>>

Molte figure ammirano e si interessano della Direzione del M° Vitello, avendo molta stima dei suoi lavori con recensioni di rilievo.

Il suo debutto discografico con il Pierrot Lunaire di Arnold Schoenberg alla guida dell’Ensemble BIOS e con la voce di Anna Clementi ha suscitato reazioni entusiastiche nella critica internazionale: “Ottimo CD, interessantissima versione interpretativa di Schoenberg (un must ci permettiamo di dire).”
Gabriele Moroni, Musica Magazine

Bravissimo, Andrea Vitello, a tenere insieme tutta la compagine. Non una sbavatura, non una distrazione, un’approssimazione. Tutto al punto in cui deve essere, anche nei momenti di maggiore foga.
Dino Villatico, Dionysos.

Andrea Vitello collabora con istituzioni quali Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, Festival Musica Viva di Belem, Bulgarian Choir Union di Sofia, Orchestra Sinfonica di Budapest MÁV, Orchestra Sinfonica di Salonicco, Filarmonica di Koszalin, Korea Soloists Orchestra, Divertimento Ensemble, Argento Ensemble, Ensemble l’Arsenale etc. in alcune delle più importanti sale del mondo quali Carnegie Hall di New York, Seul Art Center, Teatro Petruzzelli, Sala Verdi di Milano, Teatro dal Verme di Milano.
Sensibile interprete del repertorio moderno e contemporaneo, ha diretto numerose prime esecuzioni di artisti quali Tristan Murail, Oliver Schneller, Andrea Portera, Peter Eötvös e numerosi giovani compositori.

Ha debuttato in Russia con l’Orchestra Sinfonica di Kabarovsk (Aprile 2018), e presso il Megaron di Salonicco (Novembre 2017).

Orgoglio toscano nel mondo.

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: